sabato 23 luglio 2011

Un esercizio Zen

Prendiamo della soia, sciacquiamola e mettiamola in uno scolapasta, coprendola con un coperchio per tenerla al buio. Laviamola sotto l’acqua corrente un paio di volte al giorno per un totale di 5 giorni circa. Già nell’arco dei primi 2 giorni vedremo spuntare i germogli, che saranno pronti quando raggiungeranno i 4 cm di lunghezza.
Questo esercizio può esserci d’aiuto per una profonda riflessione sul tempo. Nei giorni che si succedono, abbiamo la possibilità di contemplare l’evoluzione e la trasformazione di una vita da una forma all’altra, da seme a germoglio. Non solo, tutto questo avviene secondo dei tempi per noi incontrollabili e sconosciuti: possiamo osservare il cambiamento e la crescita senza poter però intervenire in alcun modo, proprio come a volte capita nella vita. Spesso la nostra esistenza è caratterizzata da ritmi frenetici o, al contrario, rallentati (pensiamo alle energie ristagnanti) tanto quanto da situazioni di cui non riusciamo a gestire i tempi.
I germogli ci insegnano il tempo ‘giusto’, il tempo della Natura che ha ritmi sacri e inviolabili. I germogli ci insegnano ad aspettare e non solo che ogni cosa ha il suo momento per manifestarsi, ma anche che lo fa secondo tempi non casuali.

di Laura

Nessun commento:

Posta un commento