lunedì 4 luglio 2011

L'insegnamento della malattia: tiroidite e quinto chakra

Avevo incontrato per la prima volta questo simbolo durante un'esperienza di ipnosi regressiva. Era inciso su metallo dorato a realizzare un pendente prezioso di rara fattura. Un simbolo di potere di forte connotazione iniziatica. Non avevo capito perché si collegasse a me nella sua simbologia più intima. Mi pareva di conoscerlo, forse l'avevo già visto in passato, tuttavia le mie ricerche non avevano portato a niente. Poi, lavorando sulla mia tiroide sempre un po' malandata a causa di questa tiroidite di hashimoto, che mi offre una fedele compagnia, si è aperta una nuova pista ricca di possibilità, che mi ha condotta all'ingresso del labirinto.
Non è certamente un caso il lavoro intrapreso da qualche giorno sull'utilissima lezione di questa patologia; ascoltare i miei bisogni profondi e riconoscere il compito che la mia anima è venuta a svolgere in questa dimensione della materia. Un vero cammino di autocoscienza sotto la guida di vishuddha, il chakra della gola, la ruota blu dai sedici petali. Nel suo simbolo riconosco il mio talismano, ma con una essenziale differenza: il mio triangolo punta verso l'alto, il mio trinagolo non è acqua ma fuoco e il suo vertice mira dritto verso il cielo.
Mi attende la dirompente liberazione dell'energia creatrice che muove dal cerchio, simbolo dell’unità indivisa che precede il tutto ed è nel tutto, rappresentandone il nucleo primordiale; l’onnipotenzialità iniziale, che è necessario recuperare per mutare forma. La sua meta non è la trasformazione della materia, ma l'individuazione dello scopo più intimo dell'anima che si abbandona al saggio orientamento dello spirito, cui converge l'intenzione con tutto il suo potere.
Il mio triangolo mi ricorda una missione che è seme e frutto della mia intera esistenza. Un dono immenso, come immenso è in sé il potere del simbolo.

4 commenti:

  1. Ciao ruota blu dai sadici petali! Hai provato a ridurre il sodio? Affinché i petali siano meno sodici! Restano 16, non tagliarli a 3!

    La ruta è una pianta un po' blu ed è digestiva.

    Altre 2 donne che ho frequentato più da vicino avevano in comune guai alla tiroide, orgoglio smisurato e incazzosità.

    Chi tu sai, tanto so che suoli cancellare i commenti non congeniali :-)

    PS: intrapprendi il raddoppio delle consonanti iniziali in presenza di prefissi

    http://www.icyte.com/saved/guarisciconlenergia.blogspot.com/500978?key=3c6ae86122b2364f5e74ff1308214af682147b62

    RispondiElimina
  2. http://www.achyra.org/cruscate/viewtopic.php?t=2355 : il Devoto-Oli mi ha deluso gravemente anche per altre cose.
    Non fa che adeguarsi all'andamento casuale della lingua senza consigliare il meglio.

    Articolo correlato a raddoppiamenti e consonanze:
    http://www.icyte.com/saved/www.ateneonline-aol.it/501331?key=37f2754f400cda99ae0c45c888a6ad9a63a5c51d

    Saluti da un altro anonimo.

    RispondiElimina
  3. Molto interessante davvero. Complimenti per il blog e le guide contenute all'interno.

    RispondiElimina
  4. anche io ho una lattia autoimmune della tiroide. credo che il diffondersi sempre maggiore negli ultimi anni di queste malattie dove il corpo attacca se stesso, siano il chiaro specchio della profonda guerra ineriore che combattiamo con noi stessi e coll'universo intero, (natura ecc.) personalmente questa riflessione mi ha fatto capire che il grande lavoro su di noi è di ri-unificazione e riappacificazione, nonchè di un totale lasciar cadere ogni tipo di arma. io ho smesso di farmi/fare la guerra..e ho trovato molta pace..mi sono ricollegata la Tutto dentro e fuori di me..e non mi reputo più malata, ho cancellato questo termine dal mio vocabolario sdradicandolo da ogni mia cellula.. la piena salute riempie ogni mia giornata. buon lavoro..e buona vita a te. LEYLA

    RispondiElimina