lunedì 18 aprile 2011

Profumo d'Eternità

A volte si muove qualcosa. E' un movimento impercettibile, quasi un timido spostamento d'aria, ma chi è in ascolto può sentirlo. E' accaduto da poco, come se una percezione profonda mi avesse mostrato un pezzetto d'eternità. Ho guardato l'Infinito dal buco della serratura, e ho sentito la gioia di ritrovare il tutto da cui proveniamo. Ma non ne sento la mancanza, perché lo ritrovo ogni giorno in un gesto, quando sono con gli altri, quando spiego un nuovo concetto ai miei ragazzi, quando cammino per la strada, quando annuso l'aria corposa della sera, con tutti i suoi ricordi, con tutte le memorie di un passato che ci attende nel futuro.





Nessun commento:

Posta un commento