domenica 19 dicembre 2010

Giordano Bruno - Atto terzo

" Vola piccolo gabbiano, vola sin dove si fondono cielo e mare,
e vento e onde piangono e cantano l’accordo della nostalgia.
Vola nella mesta quiete dove il mare giace silente sino a quando
di te la volontà e la speme sconfiggeranno lo spazio infinito.
Vola piccolo gabbiano da colei che più di tutte ho amato
e in cielo come un uccello è l’animo mio se presto saremo uniti."
(Giordano Bruno)



Nessun commento:

Posta un commento